notizie dai media tradizionali e dal web

IL MEGLIO DAI BLOG DOVE SI PARLA DI COMUNICAZIONE E PSICOLOGIA SOCIALE E DELLA COMUNICAZIONE

COMUNICAZIONE E SOCIAL NETWORK

PSICOLOGIA SOCIALE E DELLA COMUNICAZIONE

I MIEI POST ED I TUOI COMMENTI

venerdì 18 giugno 2010

Esiste la reputazione online? Un post interessante da OneWeb 2.0, di Luca Mori


Leggendo questo post di Luca Mori vengono in mente alcune cose sulle quali vi invito a riflettere e commentare: nel web si accumulano e stratificano una marea di notizie, immagini, storie di milioni di persone, a volte senza riscontro spesso non più attuali, esiste il pericolo che si possano "costruire" fatti, personalità e come ovviare a ciò? E' il web il vero "grande fratello"?
Esistono e quali sono le differenze col mondo cosiddetto reale?
Il mio parere è che i protagonisti siamo sempre noi cioè le persone sia in veste di attori che di spettatori o commentatori, credo che il web cioè le persone che lo agiscono sia una opportunità per prendere coscienza di fatti e misfatti e non uno strumento per "modificare personalità o immagine", è uno strumento di partecipazione, è una società agita tramite strumenti e procedure informatiche ma pur sempre di relazioni tra persone trattasi e la società è il comportamento degli individui. Se qualcuno viene beccato a fare il furbo, come nel caso descritto nel post di Luca Mori ciò non può essere un alibi per condannare la Rete.
Ecco l'articolo di Luca Mori pubblicato su OneWeb 2.0:

Reputazione online: scoppia il caso Daniele Luttazzi

Tecnicamente è un caso di studio complesso di reputazione online. Un caso intrigante come un giallo e interessante anche per chi si occupa di online reputation management riferito ai brand. Protagonista, suo malgrado, è Daniele Luttazzi, autore satirico ben noto per le controverse apparizioni in televisione, per le brillanti performance in teatro, per i DVD e per i libri, bersaglio con Michele Santoro e Enzo Biagi del cosiddetto “editto bulgaro“.

In questi giorni in rete circola insistente una voce: “Luttazzi copia“. Lo dicono molti blogger, a partire dal blog “myvoice” che propone “un’inchiesta artistico professionale” sulle copiature di Luttazzi; lo racconta un video su YouTube, intitolato “il meglio (non è) di Daniele Luttazzi”, più volte rimosso per iniziativa di una società, “Krassner Entertainment”, il cui sito è vuoto e che il servizio “whois” fa risalire a Daniele Fabbri, cioè allo stesso Luttazzi.
In un’intervista a Radio Deejay, Luttazzi aveva dichiarato:
Non mi divertirei a dire battute scritte da un altro..
Eppure, ci sono molti indizi per sostenere che Luttazzi abbia tradotto e pronunciato in molte occasioni battute scritte da altri, come raccontano ad esempio un articolo di Katia Riccardi e un appello di Francesca Fornario, rispettivamente sulle versione online di Repubblica e de l’Unità.

Un altro elemento del “giallo” riguarda l’iniziativa “Caccia al tesoro“, che Luttazzi ha proposto ai fan tramite il suo blog ufficiale: qui Luttazzi dichiarava esplicitamente di aver mescolato alle sue battute quelle di altri autori comici o satirici, senza citarli, e invitava i suoi lettori a trovarle. Il primo problema, in questo caso, riguarda la data del post relativo alla “Caccia al tesoro”: Luttazzi avrebbe impostato una data fasulla, secondo le ricostruzioni più articolate, che esplorano le informazioni ricavabili dal CMS usato da Luttazzi e ricorrono al sito Web.archive.org, una specie di “macchina del tempo” del Web.

Un secondo problema riguarda il senso della “caccia al tesoro”. L’idea veniva presentata sia come un gioco per i fan, sia come un espediente per difendersi da eventuali accuse di volgarità, o peggiori. Una specie di tranello per i critici: chi accusava Luttazzi di essere solo volgare e di non essere un autore satirico, poteva ritrovarsi tra le mani battute non di Luttazzi, ma di autori satirici di lingua inglese universalmente riconosciuti. Il punto è che, in un questo genere di gioco, il tesoro da cercare dovrebbe essere ben nascosto: al momento, però, sembra che il tam-tam nel Web 2.0 abbia portato a scoprire che circa un terzo delle battute di Luttazzi sono copiate. Un po’ troppo per una caccia al tesoro.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci pure il tuo commento, grazie.